18. Nicoletta Bonansea, SIMBOLO E NARRAZIONE. Linee di sviluppo formali e ideologiche dell’iconografia di Giona tra III e VI secolo.

18. Nicoletta Bonansea, SIMBOLO E NARRAZIONE. Linee di sviluppo formali e ideologiche dell’iconografia di Giona tra III e VI secolo.

18. Nicoletta Bonansea, SIMBOLO E NARRAZIONE. Linee di sviluppo formali e ideologiche dell’iconografia di Giona tra III e VI secolo.

Product Code: Model
SKU : Model
Product available in stock : 1000
  • 35.00€


ISTITUZIONI E SOCIETA'                          (all books of the series)

Spoleto 2013, pp. 284

The biblical character of Jonah stands in a central position within the Late Antiquity religious imaginary: between the I and VI centuries texts and images constantly present his figure and story and interpret their meaning. The book covers this vast wealth of literary and iconographic sources by examining first the interpretation of Patristic exegesis, then focusing on the formation and development of his Early Christian iconography. The analysis starts from the formal aspect of the image: it identifies the sources, the different versions of the theme and the lines of their diffusion and development. This study is complemented by a semantic analysis that investigates the contents of the image - its meaning - and how it developed according to the temporal, geographical and functional contexts. The interaction between the literary and iconographic interpretation of Jonah, set against the background of the social and political landscape of the time, allows to enlighten new aspects of the expansion of the Christian religious phenomenon and of its relations with previous and contemporary cults. The study rests on Iconological research as a historical discipline able to provide a perspective on historical phenomena different from and complementary to literary and archaeological sources. In fact, the stylistic and iconographic continuity guaranteed by the workshop tradition and the functions covered by the image in Ancient Mediterranean societies - mainly decorative, celebratory and ritual – make iconography a fundamental point of view on religious, social and political issues of the time. The early Christian iconography, in this regard, is particularly interesting because it belongs to a historical period - III-IV centuries - characterized by profound changes affecting all areas of Late Antiquity, whose consequences lead to the birth of Medieval societies and cultures.

CONTENTS: Abbreviazioni - Introduzione - I. Il libro di Giona - I.1. Fonti, genere e struttura compositiva - I.2. Traduzioni e impieghi liturgici - I.3. L’esegesi ebraica - II. L’esegesi cristiana del libro di Giona tra I e V secolo - II.1. L’interpretazione di Yves-Marie Duval - II.2. Nuclei tematici, significati simbolici e traiettorie ermeneutiche - II.3. Le prime citazioni - II.4. Giona come simbolo di rinascita - II.5. Temi e funzioni diversi di III secolo - II.6. Origene - II.7. Il ruolo di Giona nel III secolo - II.8. La tematica penitenziale - II.9. Temi e funzioni diversi di IV secolo - II.10. La Chiesa - II.11. I commentarii del IV secolo - II.12. L’interpretazione letterale - III. L’iconografia di Giona tra III e VI secolo - III.1. Il ciclo in tre scene e il riposo isolato - III.2. I modelli iconografici tardo-ellenistici: Endimione,la traversata marina e le scene nilotiche - III.3. Ninive - III.4. Simbolo e narrazione - III.5. La lettura cristologica - III.6. La quarta scena: Giona triste - III.7. Il rigetto in posizione di orante - III.8. Schiffszene e riposo con ketos - III.9. I modelli iconografici tardo-ellenistici: il thiasos marino, le scene marittime e Oceano - III.10. Alcune varianti dell’iconografia Schiffszene e riposo con ketos - III.11. Il ciclo in tre scene nella plastica funeraria - III.12. La valenza penitenziale - III.13. La variante iconografica dell’abito e la nudità di Giona - III.14. L’inserzione dell’inghiottimento nella Schiffszene - III.15. Il successo dell’iconografia di Giona - III.16. Il gesto dell’adlocutio - III.17. La valenza ecclesiologica - III.18. Alcune varianti del ciclo in tre scene - III.19. Il riposo nel ketos, il marinaio disperato e il ketos che emerge dalle onde - III.20. La ‘biblicizzazione’ dell’iconografia - III.21. La normalizzazione dell’iconografia - III.22. Giona nel contesto liturgico - III.23. La rappresentazione della morte e dell’aldilà - III.24. La diffusione dell’iconografia e l’emergenza di tradizioni artistiche locali - III.25. Esegesi in immagine - III.26. Rilievi ecclesiali - III.27. Giona nell’arte bizantina - III.28. L’angelo e il riposo sul ketos - Tabelle - IV. I committenti dell’iconografia di Giona - IV.1. Esegesi e iconografia: la tesi di Yves-Marie Duval - IV.2. Esegesi e iconografia: ruolo, temi e linee di sviluppo comuni - IV.3. La ‘biblicizzazione’ dell’iconografia - IV.4. Epigrafi funerarie e mancati apporti prosopografici - IV.5. Risvolti religioso-culturali e trasformazioni socio-politiche - Conclusioni: Il ruolo di Giona nell’immaginario tardoantico - Tavole - Repertorio delle fonti letterarie - Repertorio delle fonti iconografiche - Bibliografia - Indice dei passi biblici - Indice dei nomi - Indice dei luoghi.


ISBN 978-88-7988-988-9