Italiano English
56. I MANOSCRITTI GRECI DI PERUGIA. Biblioteca Comunale Augusta e Biblioteca dell’Archivio del Monastero di San Pietro. Catalogo a cura di Isabella Proietti

56. I MANOSCRITTI GRECI DI PERUGIA. Biblioteca Comunale Augusta e Biblioteca dell’Archivio del Monastero di San Pietro. Catalogo a cura di Isabella Proietti

Codice Prodotto: ISBN: 978-88-6809-104-0
Disponibilità: In Stock
Prezzo: 42,00€

QUADERNI DEL CENTRO PER IL COLLEGAMENTO DEGLI STUDI MEDIEVALI E UMANISTICI IN UMBRIA, 56
(scopri tutti i volumi della serie)

 

Spoleto 2016, pp. XVI-254, tavv. f.t. 32, ISBN 978-88-6809-104-0     

Il catalogo curato da Isabella Proietti si colloca nel clima di grande dinamismo che caratterizza oggi la riflessione teorica sulla descrizione del libro manoscritto e la catalogazione dei codici medievali custoditi nelle biblioteche italiane. Il lavoro di catalogazione che qui si presenta è dedicato al patrimonio di manoscritti greci della città di Perugia, tanto significativo, quanto ancora poco noto: una quarantina di codici in tutto fra la Biblioteca Comunale Augusta e la Biblioteca annessa all’Archivio del Monastero di San Pietro, dove si conserva un solo item.

La storia della raccolta libraria perugina si lega alla figura di Francesco Maturanzio, la personalità di maggior rilievo dell’umanesimo umbro, il cui profilo intellettuale viene ora ulteriormente messo a fuoco grazie alle nuove acquisizioni ricavate dall’esame diretto dei codici da lui posseduti. Nella catalogazione del fondo e nell’introduzione storica premessa alle schede descrittive si è ricostruita, anche sulla scorta di documentazione archivistica conservata al di fuori della biblioteca, la storia della raccolta dopo la morte di Maturanzio: dal passaggio della biblioteca maturanziana al monastero di San Pietro, al ruolo del bibliofilo fondatore della Biblioteca Comunale Augusta Prospero Podiani, fino alle soppressioni delle corporazioni religiose.

I manoscritti contengono le principali opere della letteratura greca classica, da Aristotele, a Pindaro, ai tragici, riflesso degli interessi del collettore originario, Francesco Maturanzio, e della temperie culturale in cui la raccolta si è costituita, a testimonianza di come il rinnovato interesse per i classici che ha caratterizzato l’età umanistica abbia raggiunto anche città apparentemente periferiche rispetto ai grandi centri dell’umanesimo italiano, il cui ruolo culturale resta ancora, in buona parte, da indagare.

Indice:
T. Severini, Presentazione - D. Bianconi - P. Degni, Prefazione - Introduzione - I. I manoscritti greci di Perugia - Le origini della raccolta: copisti greci in Italia, umanisti italiani in Grecia - Francesco Maturanzio - L’eredità di Maturanzio - L’inventario dei libri di Maturanzio - Le note di possesso del monastero di San Pietro - Dalla donazione di Maturanzio alle soppressioni napoleoniche - Gli antichi inventari - Tipologia dei codici e delle scritture - Conclusioni - II. Norme di catalogazione - III. Schede descrittive - Perugia, Biblioteca Comunale Augusta - Perugia, Biblioteca dell’Archivio del Monastero di San Pietro - Tavole - Bibliografia - Indice delle testimonianze scritte - Indice degli autori e delle opere - Indice dei copisti - Indice dei nomi - Indice delle filigrane - Indice delle tavole.