Italiano English
04. Stanislao da Campagnola, FRANCESCO E FRANCESCANESIMO NELLA SOCIETÀ DEI SECOLI XIII-XIV

04. Stanislao da Campagnola, FRANCESCO E FRANCESCANESIMO NELLA SOCIETÀ DEI SECOLI XIII-XIV

Codice Prodotto: ISBN: 978-88-6809-255-9
Disponibilità: In Magazzino
Prezzo: 56,00€

MEDIOEVO FRANCESCANO - SAGGI, 4         (VISIONA TUTTI I VOLUMI DELLA SERIE)

Spoleto 2019, pp. XIV-482 (ristampa anastatica), ISBN: 9788868092559

I saggi raccolti in questo volume, editi dal 1968 al 1988, rappresentano i più significativi contributi nell’ambito degli studi francescani dell’Autore. Per la maggior parte sono l’esito di interventi in occasione di convegni negli anni della docenza di Studi francescani. In alcuni saggi sono studiate le strette relazioni tra l’esperienza religiosa di Francesco d’Assisi e dei frati Minori con i fedeli, lette nel contesto cittadino, ambito privilegiato della loro attività apostolica. In alcuni contributi si evidenzia l’influsso che il gioachimismo ebbe tra i Minori e la loro partecipazione a movimenti popolari animati da istanze di rinnovamento religioso.  Altro nucleo di interesse sono figure preminenti della prima generazione minoritica, come Egidio d’Assisi e Antonio di Padova, nelle loro vicende storiche ed agiografiche.

Indice:
Premessa - Referenze bibliografiche - Abbreviazioni e sigle - I. Insopprimibile presenza di Francesco d’Assisi nella storia del suo tempo - 1. La «novità» francescana tra monachesimo e movimenti eterodossi - 2. Una «ortodossia» nuova? -  3. Un nuovo ideale religioso: «vivere secondo la forma del santo Vangelo» - 4. Un nuovo ideale umano: fruizione della natura e del creato - 5. Un problema di fondo: l’accelerazione del corso della realtà sociale di un’epoca - 6. Il modello francescano e le virtù sociali - II. I fedeli e i frati minori - 1. Dal silenzio dei fedeli a nuove proposte di coerenza cristiana - 2. La «provocazione» francescana e l’appoggio della curia romana in funzione della «cura animarum» - 3. Pressioni sociali, urbanizzazione, proselitismo controllato  - 4. I fedeli scandalizzati e la scarsa sensibilità dei parenti dei religiosi - 5. Le schiere degli «imitantes» e dei «simulantes» - III. Gli ordini religiosi e la civiltà comunale in Umbria - 1. Ordini monastici nell’Umbria comunale - 2. I «frates minores» del comune di Assisi - 3. L’«ordo poenitentium» e i comuni umbri - 4. Contributo alla pacificazione del mondo comunale - 5. Rapporti tra ordini religiosi e comuni - 6. Ordini religiosi, inquisizione e autorità comunali - 7. Inserimento dei «fraticelli» tra ordini religiosi e comuni - 8. I comuni umbri e il movimento di osservanza francescana - 9. Nuovi ideali di fede e di arte nella vita comunale umbra - IV. La società assisana nelle fonti francescane - 1. L’«habitat» assisano tra geografia e storiografia - 2. La società assisana nel passaggio tra XII e il XIII secolo - 3. I «penitenti di Assisi» e la società assisana - 4. Un nuovo centro sociale: la Porziuncola - 5. Connotazioni urbane di un’esperienza religiosa - 6. Assisi: città di Francesco e di Chiara - V. Dai «viri spirituales» di Gioacchino da Fiore ai «fratres spirituales» di Francesco d’Assisi. Una tipologia religiosa - 1. La tipologia dei «viri spirituales» di Gioacchino da Fiore - 2. Interferenze e trasposizioni di tipologie - 3. Il significato della profezia «Erunt duo viri» - 4. L’isolamento francescano e la nuova generazione dei «viri spirituales» - 5. I «viri spirituales» della «Legenda maior» di san Bonaventura  - 6. Dalle tipologie profetiche ai gruppi storici degli «spirituales» francescani - 7. Gli spirituali umbri, custodi di «secreta ordinis» - 8. Un contesto storico complesso e variegato - VI. Movimenti popolari ortodossi ed ereticali nel decennio 1251-1260 - 1. Il ritorno del papato in Italia e il movimento «penitenziale» urbano e suburbano europeo - 2. Ribellione politica, eresia ed inquisizione in Italia - 3. Le città «interdette» e una difficile «pax Ecclesiae» - 4. La «gestualità» delle pacificazioni e le processioni dei disciplinati - VII. Influsso del gioachimismo  nella letteratura umbro-francescana del Due-Trecento - 1. L’attesa di una «nuova età» - 2. Punti di «irradiazione» profetica: messaggi scritti o messaggi scolpiti? - 3. La diffusione orale: quasi una «gnosi» - 4. Quelli che «mustravan santetate de canti e de saltare» - 5. Un «papa angelico» o un «imperatore del mondo»? - 6. Chi erano gli «uomini spirituali» della «nuova età»? - VIII.  Francesco e francescanesimo nella Valle reatina - 1. Momenti intensamente esemplari - 2. Poggio Bustone, Fontecolombo, La Foresta - 3. Greccio e la maturità spirituale di Francesco - 4. Greccio e le sue dimensioni esemplari - 5. Francescanesimo e popolazioni rurali - 6. Declino di un’area: l’urbanesimo francescano - IX. Influssi delle biografie di Francesco nel culto, nell’iconografia, nella poesia volgare dei secoli XIII-XIV - 1. Culto popolare e liturgico - 2. Dal ritratto letterario all’immagine figurativa - 3. Gli affreschi di Giotto e giotteschi - 4. Nelle «Laude» di Iacopone da Todi e nella «Commedia» di Dante - 5. Nella lauda popolare e nelle sacre rappresentazioni - X. Letteratura francescana e letteratura antoniana - 1. Due letterature diverse? Il problema della «identità» di Antonio di Padova - 2. Presenze e gesti «antoniani» nella letteratura francescana - 3. Connotazioni francescane: la «Vita prima» di Francesco e l’«Assidua» di Antonio - 4. L’evoluzione delle connotazioni francescane dalla «Raimondina» alla «Rigaldina» - 5. L’evoluzione del meraviglioso: una «crisi d’identità» - 6. Escatologismo, lingua volgare, correnti francescane - XI. Incidenze della «Legenda maior» di s. Bonaventura nelle antiche leggende antoniane «Benignitas» e «Rigaldina» - 1. Il problema della «coscienza monoritica» di s. Antonio - 2. Bonaventura da Bagnoregio e l’evoluzione dell’elemento «francescano» nella leggenda antoniana - 3. «Citazioni» bonaventuriane nella cosiddetta «Legenda Benignitas» - 4. La «Vita b. Antonii» di Jean Rigaud o Rigaldi - 5. Il modulo agiografico bonaventuriano operante nella «Vita» o «Legenda» del Rigaud - XII. La «leggenda» di frate Egidio d’Assisi nei secoli XIII-XV - 1. Testimonianze dalla vita alla morte - 2. La redazione più antica della «Vita beati fratris Egidii» - 3. La «tradizione» degli Spirituali - 4. Le redazioni più lunghe dei «Dicta» e della «Vita beati fratris Egidii» - XIII. Contenuti e valori francescani della predicazione - 1. Partecipazione «volontaria» alla predicazione di Cristo e degli apostoli - 2. Contenuti e valori evangelici di un’esperienza  - 3. Una conquista assicurata a vantaggio del popolo cristiano - 4. Evangelizzazione e promozione umana - 5. Visione e godimento nuovo dei misteri cristiani - 6. Francesco modello incomparabile - XIV. L’etica economico-sociale in san Bonaventura - 1. Dottrina tradizionale e realtà socio-economica - 2. Società e ruoli socio-economici - 3. I connotati dottrinali e concezioni etiche - 4. Connotati dell’economia pauperistica - XV. L’«osservanza» come problema dell’attività pastorale - 1. Varietà delle linee di movimento - 2. Carattere tradizionale del fenomeno - 3. L’osservanza francescana - 4. La predicazione come priorità pastorale - Indice dei nomi.